Regolamento - Camping Oasi, relax immersi nella natura tra il mare e le colline della Liguria, fra le Cinque Terre e Portofino e a pochi km da Sestri Levante

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento

CAMPING


PARCO PER VACANZE – CAMPEGGIO “OASI”

REGOLAMENTO

CONDIZIONI E NORME DI CONDOTTA


(1) OBBLIGO DI NOTIFICAZIONE DELLE PRESENZE

Chiunque acceda alla struttura del Parco Vacanze per soggiornarvi è tenuto a comunicarlo alla Direzione, fornendo le proprie generalità complete, producendo copia fronte-retro del documento di identità e del codice fiscale se non già presenti (ed in corso di validità) in anagrafica, e specificando sempre il periodo di permanenza, al fine di poter sottoscrivere la scheda di notificazione telematica prevista dalle vigenti leggi di pubblica sicurezza.
(2) ASSEGNAZIONE PIAZZOLE E PARCHEGGI
La Direzione del Parco assegna all’utente la piazzola e/o parcheggio con facoltà della stessa di variarne l’ubicazione. Le piazzole e i parcheggi vuoti, ancorché non assegnati, non possono essere occupati. La seconda auto è, in ogni caso, tassativamente vietata.
(3) PARTENZE
La piazzola e/o parcheggio devono essere liberati da oggetti e/o cose entro le ore 12,00 del giorno di partenza.
(4) OSPITI OCCASIONALI
Le visite devono essere autorizzate dalla Direzione; la permanenza per oltre un’ora è soggetta al pagamento della tariffa giornaliera esposta nella reception sulla base del tariffario approvato dai competenti Organi della Provincia di Genova.
Il contraente è reso edotto che la Direzione può non consentire l’accesso per visite.
In ogni caso tutti i visitatori esterni ed occasionali debbono lasciare la struttura entro le ore 23,00.
Il contraente che, con la sottoscrizione della presente accetta e presta il consenso, è costituito responsabile civile, in solido con il visitatore e/o l’ospite non contraente della presente scrittura, per eventuali danni che questi arrecasse a cose, oggetti e/o persone presenti nella struttura.
In tal senso il contraente esonera e/o manleva all’uopo da qualsivoglia responsabilità civile la società di gestione del Parco Vacanze ed i suoi soci.
(5) DIVIETI
Sono vietati i giochi con la palla e con l’acqua.
E’ vietata la circolazione di veicoli a motore interna alla struttura, salvo che essa avvenga a passo d’uomo per l’entrata e l’uscita. Non è consentito il lavaggio dei veicoli.
L’acqua erogata nel Parco Vacanze è potabile a norma delle vigenti leggi. L’utilizzo è consentito per soli usi primari (bere, cucinare, igiene personale, lavaggio stoviglie e indumenti). E’ severamente vietato il lavaggio di auto, moto, camper, ecc. E’ severamente vietato usare l’acqua per usi impropri quali irrigazione di giardini e orti.
Lo smaltimento dei residui e dei liquami dei WC interni alle roulotte deve avvenire negli appositi contenitori e mai, inderogabilmente, nei servizi igienici destinati alle persone.
E’ severamente vietato lo smaltimento nei vuotatoi di acidi e/o liquami di cui non sia consentito lo smaltimento attraverso la rete pubblica fognaria.
Dalle ore 12,30 alle 15,30 e dalle 23,00 alle 8,00 sono vietati i rumori; il volume di elementi radio e/o TV, e comunque riproduzione di suoni, deve essere tenuto al minimo consentito dal dispositivo.
(6) UTENZE ELETTRICHE
La piazzola è dotata di presa elettrica tarata a 3 Ampère sì che l’uso di apparecchi elettrici è consentito nei minimi suddetti. I cavi e le spine di allacciamento degli utenti debbono essere a norma di legge e debbono essere posizionate secondo le norme in vigore. E’ vietato lasciare apparecchi elettrici accesi e/o anche solo inseriti (stand by) durante l’assenza dell’utente; le spine debbono essere dal medesimo disinserite dalla colonnina elettrica allorquando egli si allontani, anche solo temporaneamente, dalla piazzola. Durante le ore notturne è vietato tenere accese le luci esterne. Il contraente, che accetta, è costituito responsabile civile in merito ai danni a persone e/o cose in ipotesi derivanti dall’inosservanza dei principi suesposti e/o dal mal funzionamento e/o dalla rottura e/o da incuria e/o difetto di fabbricazione delle connessioni e degli allacciamenti elettrici di sua pertinenza di talché egli esonera da qualsivoglia responsabilità al riguardo la società di gestione del Parco Vacanze ed i suoi soci.
(7) PREVENZIONE INCENDI
E’ assolutamente vietata l’accensione di fuochi e/o l’uso di fiamme libere nel Parco.
E’ consentito l’uso di barbecue a gas negli spazi consentiti e sotto la responsabilità dell’utente purchè l’utente sia munito di estintore a polvere non inferiore a 5 Kg. e purché la bombola di GPL sia esterna al mezzo mobile od al preingresso.
Ogni utenza non può inderogabilmente detenere più di una bombola di gas: essa deve contenere una quantità nominale di GPL non maggiore di 15 Kg. e deve essere collegata all’apparecchio utilizzatore con tubazioni e raccordi conformi alle normative vigenti (ad esempio, UNI-CIG 7140) che l’utente, in ogni caso, dichiara con la sottoscrizione della presente di ben conoscere I cavi e le spine di allacciamento degli utenti debbono essere a norma di legge e debbono essere posizionate secondo le norme in vigore. E’ vietato lasciare apparecchi elettrici accesi e/o anche solo inseriti (stand by) durante l’assenza dell’utente; le spine debbono essere dal medesimo disinserite dalla colonnina elettrica allorquando egli si allontani, anche solo temporaneamente, dalla piazzola. Durante le ore notturne è vietato tenere accese le luci esterne. Il contraente, che accetta, è costituito responsabile civile in merito ai danni a persone e/o cose in ipotesi derivanti dall’inosservanza dei principi suesposti e/o dal mal funzionamento e/o dalla rottura e/o da incuria e/o difetto di fabbricazione delle connessioni e degli allacciamenti elettrici di sua pertinenza di talché egli esonera da qualsivoglia responsabilità al riguardo la società di gestione del Parco Vacanze ed i suoi soci.
(8) PIANO DI EMERGENZA
Chiunque si trovi all’interno del Parco e rilevi un incendio o uno stato di pericolo è tenuto ad informare un addetto della struttura e/o la Direzione.
Qualora la Direzione impartisse un ordine di sgombero tutti gli utenti debbono assecondare le istruzioni ricevute e recarsi nel punto di raccolta indicato. Ulteriori informazioni sul piano di emergenza verranno fornite su richiesta dell’interessato presso la Direzione.
(9) MALATTIE INFETTIVE
La comparsa e/o l’insorgenza di malattie infettive deve essere segnalata alla Direzione che, su conforme parere medico, potrà adottare le opportune cautele per l’incolumità degli ospiti ivi compreso l’allontanamento dalla struttura.
(10) ASSICURAZIONI E RESPONSABILITA’
L’utente/contraente, con la sottoscrizione della presente, si costituisce ed in ogni caso è responsabile civile e custode dei beni dallo stesso detenuti all’interno del suo mezzo mobile, bungalow e/o struttura e si dichiara consapevole che la società di gestione del Parco ed i suoi soci non assume né ha mai assunto alcuna responsabilità per furti e/o asportazioni e/o danneggiamenti di mezzi e di beni, anche all’interno di tali elementi: in tal senso il contraente esonera da qualsivoglia responsabilità la società di gestione del Parco ed i suoi soci rinunciando inderogabilmente sin d’ora ad azionare ed anche solo ad intimare in suo danno qualsivoglia richiesta di risarcimento di danni patrimoniale e non patrimoniali.
Consapevole e reso edotto di quanto sopra il contraente, per sua tutela ed a sua cura e spese, dichiara di aver stipulato ovvero di obbligarsi alla stipula di un’autonoma polizza assicurativa che garantisca, a puro titolo esemplificativo, anche i rischi suddetti.
(11) PAGAMENTI E ABBONAMENTI
Per ospiti in transito (piazzole per tende e camper)
Il pagamento dell'intero soggiorno dovrà essere saldato il giorno dell'arrivo
Per ospiti in transito (bungalows)
Vedere Regolamento bungalows
Per ospiti stanziali
Il Parco Vacanze ha la facoltà di accettare pagamenti rateizzati non superiori a due rate, sotto forma di forfait, a suo insindacabile giudizio, senza che ciò costituisca acquiescenza e/o riconoscimento di modalità diverse rispetto a quella ordinaria di cui in appresso.
L’abbonamento annuale anticipato costituisce la forma ordinaria e corrente di adempimento del corrispettivo da parte del contraente a fronte della messa a disposizione di una piazzola e della facoltà di parcheggiarvi un solo veicolo per un numero comunque non superiore a sei persone, contraente (e/o contraenti) e/o ospiti inclusi: più precisamente ogni nucleo di persone non superiore a sei unità (contraenti e/o ospiti del nucleo) ha diritto all’assegnazione di una sola piazzola.
L’abbonamento ha durata coincidente con l’apertura e la chiusura annuale del Parco Vacanze, mai comunque superiore all’anno solare, non è rinnovabile tacitamente né per comportamento concludente, ma solo in forma scritta: esso comprende la facoltà per l’utente e per i suoi ospiti di pernottare e sostare nella piazzola allo stesso assegnata, di fruire dei servizi idrici e di elettricità.
L’abbonamento e la prestazione di servizi che ne costituisce l’oggetto sono strettamente personali ed incedibili tale essendo la volontà della società di gestione, dei suoi soci e del contraente/contraenti: per tali ragioni non sono valide e debbono reputarsi convenzionalmente nulle e/o inefficaci e/o inopponibili alla società di gestione del Parco ed i suoi soci eventuali cessioni del contratto di abbonamento e/o dei diritti che da esso discendono.
(12) INADEMPIENZA E SUOI EFFETTI. CLAUSOLA RISOLUTIVA E PENALE (stanziali)
Il mancato pagamento alla scadenza/alle scadenze convenute del corrispettivo dell’abbonamento da parte del soggetto contrattualmente obbligato determina la costituzione in mora del medesimo debitore senza bisogno di intimazione alcuna: la società di gestione del Parco è dunque in tal caso e sin d’ora espressamente autorizzata a sospendere il servizio offerto ed a trattenere definitivamente l’eventuale corrispettivo percepito con facoltà della stessa di azionare il credito per il residuo dovuto, salvo il risarcimento del maggior danno.
Decorsi giorni 15 (quindici) dalla scadenza del termine per il pagamento, perdurando l’inadempimento, il contratto di abbonamento è risolto di pieno diritto senza che occorra previa diffida alcuna: in tal caso il contraente, che sin da ora si riconosce debitore del corrispettivo a suo tempo concordato, autorizza la società di gestione del Parco ad azionare in suo danno il credito ancora dovuto.
In ogni caso, per ogni giorno di ritardo successivo al quindicesimo le parti convengono di liquidare una penale a favore della società di gestione del Parco pari ad Euro 5,00 (cinque) giornaliere sino ad un massimo di Euro 600,00 (seicento); la penale viene espressamente pattuita, con il consenso delle sottoscritte parti, che accettano, per il semplice ritardo del pagamento del corrispettivo, sia esso integrale o parziale.
(13) SGOMBERI E RIMOZIONI (stanziali)
In ragione e per effetto di quanto previsto al punto che precede, il contraente moroso proprietario del veicolo (auto, roulotte, caravan, carrello, etc.) e/o casa mobile e/o bungalow o colui che lo abbia comunque in uso, si obbliga a sua cura e spese a liberare senza alcuna dilazione – e senza bisogno di alcuna richiesta in tal senso da parte del Parco creditore – la piazzola assegnatali asportando e/o conducendo, a sua cura e spese, il veicolo e/o casa mobile e/o bungalow al di fuori del Parco; egualmente il contraente si obbliga a rimuovere e ad asportare tutti gli oggetti e/o elementi di qualunque natura ivi riposti.
Qualora il soggetto tenuto non ottemperi, per qualsivoglia ragione addotta ed entro giorni 5 (cinque) decorrenti dal quindicesimo giorno dalla scadenza del termine di pagamento, a quanto sopra esposto, le parti convengono che i diritti sui predetti beni (anche mobili registrati) ivi abbandonati e/o non asportati e/o non rimossi, siano e debbano comunque intendersi definitivamente rinunciati dal suo titolare e/o dal soggetto che ne ha la disponibilità e/o l’uso e/o la custodia: in tale ipotesi la società di gestione del Parco o un suo delegato è, per l’effetto ed in ogni caso, espressamente autorizzata sin d’ora e con suo esonero da qualsivoglia responsabilità civile e penale, allo sgombero, alla demolizione ed alla rottamazione dei predetti beni. Il contraente/contraenti, anche se in origine non titolari dei beni mobili (anche registrati) rimossi, si obbligano solidalmente a rifondere, riconoscendosi sin d’ora debitori degli importi per loro conto anticipati e corrisposti, la società di gestione del Parco che avrà anticipato le spese ed i costi.
Per la materiale attuazione da parte della società di gestione del Parco degli sgomberi non eseguiti, il titolare del bene mobile registrato consegnerà all’ingresso nella struttura le chiavi della casa mobile e/o bungalow e/o veicolo, e di quest’ultimo i documenti di viaggio in originale (libretto di circolazione, certificato di proprietà, carta di circolazione e quant’altro) alla società di gestione del Parco e sottoscriverà una delega su foglio separato autorizzando la medesima alla demolizione degli stessi, fornendo altresì una fotocopia fronte e retro del documento di identità e del codice fiscale.
I documenti di viaggio saranno restituiti all’avente diritto qualora la piazzola venisse sgomberata da ogni bene ivi riposto dal soggetto obbligato e la delega, priva in quel caso di ogni effetto giuridico, sarà egualmente riconsegnata.
(14) USO DELLE ATTREZZATURE DEL PARCO E REGOLE DI CONDOTTA (stanziali)
Le attrezzature del Parco sono di uso comune e come tali sono fruibili indistintamente da tutti gli utenti e non sono dagli stessi modificabili, né è consentito mutarne la destinazione a vantaggio di alcuni.
E’ vietato installare recinzioni e/o sbarramenti che non consentano o anche solo limitino l’accesso alle piazzole; le aree di soggiorno assegnate non possono subire alcuna trasformazione né opera di diversa sistemazione rispetto a quella originaria: è tuttavia consentita la mera posa di tubi e paletti a contorno della piazzola assegnata purché facilmente removibili e sempre che non muti la natura indefettibilmente precaria dell’elemento riposto.
(15) POSA DI ELEMENTI E MANUFATTI ANTERIORMENTE ALL’INGRESSO NELLA STRUTTURA DEL PARCO VACANZE (stanziali)
Gli elementi di cui al punto che precede possono essere collocati in corrispondenza della piazzola assegnata prima della sottoscrizione del presente abbonamento soltanto previo consenso della società di gestione del Parco.
Detti elementi, indefettibilmente di natura precaria e removibile, debbono essere conformi alla normativa vigente che l’utente ed utilizzatore – anche se non proprietario – dichiara di ben conoscere assumendo all’uopo qualsivoglia responsabilità per eventuali difformità degli stessi rispetto alla legge ed ai regolamenti regionali e/o comunali.
Il contraente ed utilizzatore dei medesimi, anche se non proprietario, è esclusivo custode (ed unico responsabile civile del mal funzionamento, dei difetti di manutenzione e di montaggio) degli elementi di cui è consentita la posa, ragion per cui egli esonera da qualsivoglia responsabilità civile la società di gestione del parco Vacanze ed i suoi soci da eventuali danni a terzi conseguenti all’uso, alla detenzione e comunque alla custodia degli stessi.
La società di gestione del Parco vacanze, con il consenso del contraente, che sin d’ora accetta, può richiedere ed imporre al medesimo l’immediata rimozione dei suddetti elementi qualora la stessa venisse a conoscenza della loro pericolosità e/o non conformità alle leggi ed ai regolamenti vigenti ovvero qualora, per iniziativa dell’utilizzatore, detti elementi siano stati trasformati o posizionati in modo da alterarne la destinazione e la natura che deve permanere indefettibilmente precaria e mobile.
In tali casi il contraente/utilizzatore si obbliga all’immediata rimozione autorizzando la società di gestione del Parco, i suoi soci o altro soggetto delegato, allo sgombero ed alla rimozione dei predetti elementi secondo i termini e con gli effetti di cui al paragrafo secondo dell’articolo 13.
(16) REGOLAMENTO CANI E ANIMALI DOMESTICI
Cani e altri animali domestici devono essere tenuti all’interno della propria piazzola. Ogni necessità fisiologica deve essere espletata all’esterno del campeggio e rimossa dal proprietario dell’animale. Per tutti gli animali è obbligatorio l’uso del guinzaglio. Gli animali non abituati a restare da soli non possono essere lasciati senza sorveglianza nemmeno nella propria piazzola. E’ vietato condurre animali nei servizi igienici. Gli animali devono essere regolarmente vaccinati. I proprietari sono responsabili del proprio animale e di non recare disturbo e/o danno a vicini e/o altri campeggiatori. E’ necessaria una copertura assicurativa civile che copra gli eventuali danni arrecati dall’animale. In caso di eventuali danni arrecati dall’animale si rimanda alle leggi vigenti. L’inosservanza di uno o più punti del regolamento comporta l’immediato e insindacabile allontanamento dell’animale.
(17) LAVORI DI ORDINARIA E STRAORDINARIA MANUTENZIONE
Qualora in corrispondenza della piazzola di sosta assegnata la società di gestione del Parco dovesse svolgere lavori di manutenzione ordinaria e/o straordinaria, aventi essi o meno carattere di urgenza e/o indefettibilità, l’utilizzatore contraente presta sin d’ora ogni più ampio ed irrevocabile consenso alla rimozione dei beni mobili ed elementi presenti sulla stessa autorizzando, in difetto, la società di gestione alla loro rimozione secondo i termini, le modalità e per gli effetti di cui al secondo paragrafo dell’art. 13.
La società di gestione del Parco provvederà ad assegnare altra piazzola al contraente che intenda farne richiesta senza che ciò comporti a carico del medesimo alcun onere ulteriore rispetto al corrispettivo stabilito nel presente contratto, sempre che già corrisposto.
In ogni caso il contraente si dichiara consapevole ed edotto che nessun diritto egli potrà vantare nei confronti della società di gestione del Parco Vacanze ed i suoi soci in caso di assegnazione di un’altra piazzola rispetto a quella originariamente assegnata.
(18) INTERRUZIONE TEMPORANEA DEI SERVIZI E CHIUSURA TEMPORANEA DELLA STRUTTURA
I contraenti utilizzatori e fruitori dei servizi, prendono atto e riconoscono sin d’ora che eventuali interruzioni nel funzionamento degli impianti e delle forniture (idriche, elettriche, etc.), ivi compresa la temporanea chiusura della struttura per cause di forza maggiore, operative (anche se derivanti dai lavori di ordinaria e/o straordinaria manutenzione) e/o accidentali, non danno luogo ad alcun diritto di credito nei confronti dei medesimi in danno della società di gestione del Parco e/o dei suoi soci.

Torna ai contenuti | Torna al menu